Aggregatore Risorse Aggregatore Risorse

Newsletter Sportello Pronto Europa - Dicembre 2016

● Bando del Programma Interreg Italia Francia Marittimo – Progetti Semplici e Strategici integrati tematici e territoriali – Scadenza per la presentazione delle proposte: 7 Marzo 2017

La Regione Toscana con decreto dirigenziale n. 12461 del 14/11/2016 ha approvato e pubblicato il bando per la presentazione di progetti per tutti gli assi prioritari del Programma: Asse 1. Promozione della competitività delle imprese nelle filiere transfrontaliere; Asse 2. Protezione e valorizzazione delle risorse naturali e culturali e gestione dei rischi; Asse 3. Miglioramento della connessione dei territori e della sostenibilità delle attività portuali; Asse 4. Aumento delle opportunità di lavoro sostenibile e di qualità e di inserimento lavorativo attraverso l’attività economica.

L’ambito territoriale del Programma riguarda le seguenti zone, nell’ambito delle quali dovranno essere svolte le azioni di progetto: Corsica (Haute-Corse e Corse du sud), Liguria (Imperia, Savona, Genova, La Spezia), Provence-Alpes-Côte d’Azur (Var e Alpi-Marittime), Sardegna (Sassari, Nuoro, Cagliari, Oristano, Olbia-Tempio, Ogliastra, Medio-Campidano, Carbonia-Iglesias), Toscana (Massa-Carrara, Lucca, Pisa, Livorno, Grosseto). Possono presentare progetti i seguenti soggetti, in partenariato fra loro: Organismi pubblici; Organismi di diritto pubblico; Organismi privati purché dotati di personalità giuridica; Organismi internazionali localizzati nei territori dei due Stati membri del Programma.

Con il bando, sarà allocato un finanziamento complessivo di 69.274.727 euro, di cui 58.883.518 provenienti dal Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR) e 10.391209,00 euro di contropartita nazionale italiana e francese.

I progetti potranno essere inseriti sulla piattaforma on line Marittimo plus a partire dal 9 gennaio 2017 e fino al 7 marzo 2017.

Link: http://interreg-maritime.eu/it/2_avviso 

 

● Bando Regione Lazio POR FESR – Progetti Semplici ed Integrati nel settore della Bioedilizia e dello Smart Building – Scadenze per la presentazione dei progetti: 14 Febbraio 2017 (Integrati), 14 Marzo 2017 (Semplici)

Con tale bando si intende supportare l’innovazione dei materiali, dei componenti e dei sistemi utilizzati nell’edilizia, compresi sistemi intelligenti di progettazione e gestione delle infrastrutture, anche di committenza pubblica, che garantiscano una maggiore sostenibilità ambientale degli edifici e delle costruzioni, nonché un maggiore valore aggiunto per i fruitori. Le tematiche specifiche (per le quali si rimanda al bando) sono: Building and Consumers; Industry and Products; Heating and Cooling; Enabling the decarbonization; Disaster resilience degli edifici.

Possono presentare progetti i seguenti soggetti: Micro, piccole, medie Imprese (PMI) e Liberi Professionisti (anche in forma singola per i Progetti Semplici); Grandi Imprese, Organismi di Ricerca (questi ultimi due soggetti limitatamente ad attività di ricerca e sviluppo).

La dotazione finanziaria del bando ammonta a 7.260.000 euro, di cui 1.980.000 destinati ai Progetti Semplici e 5.280.000 euro destinati ai Progetti Integrati. Il contributo è a fondo perduto.

I Progetti Semplici possono essere presentati dal 17/1/2017 fino al 14/3/2017 con “procedura a sportello” (verifica di ammissibilità in ordine di arrivo delle richieste e fino esaurimento delle risorse a bando); i Progetti Integrati possono essere presentati dal 12/1/2017 fino al 14/2/2017 con procedura “a graduatoria” (valutazione dei progetti dopo la chiusura del termine di presentazione delle richieste).

Link: http://www.lazioinnova.it/wp-content/uploads/2016/12/Scheda-Bioedilizia-OK.pdf 

 

● Conferenza AREQAU “Ricerca sulle Energie Alternative e Rinnovabili nel campo dell’Architettura e della Urbanizzazione” – 1/3 Febbraio 2017, Barcellona

La conferenza è organizzata da IEREK, ETSAV (Università Politecnica di Catalogna) e BarcellonaTECH ed ha l’obiettivo di promuovere e diffondere conoscenza sull’integrazione delle tecnologie per le energie alternative e rinnovabili nell’ambito della progettazione fisica.

L’evento fornirà a ricercatori, scienziati, produttori, istituzioni e attori coinvolti nel settore dell’edilizia una piattaforma per discutere gli ultimi sviluppi della progettazione (nella teoria e nella pratica), dando ai soggetti coinvolti una concreta opportunità di collaborazione e di instaurazione di nuove relazioni di business e di ricerca, utili anche ai fini della partecipazione a bandi internazionali sul tema. Ecco alcuni esempi di argomenti della Conferenza: Raccolta di Energia da Fonti Rinnovabili; Produzione di Energia Rinnovabile a livello di Comunità; L’Edificio quale Impianto di Energia Rinnovabile; Infrastrutture Urbane e Distribuzione di Energie Rinnovabili; Distretti e Quartieri, distribuzione on demand; Il Concetto di Costruzione ad Energia Quasi Zero; ICT a Livello Urbano con Utilizzo e Ottimizzazione di Energia; Gestione Energetica in Sistemi Energetici di Distretto; Risparmio e Performance di Energia nelle Costruzioni; Nuove Tendenze e Ricerche nelle Energie Rinnovabili; Mezzi di trasporto ecologici; Consapevolezza ed Educazione Pubblica sulle Energie Rinnovabili; Governance e Politica per le Energie Rinnovabili; Reti di Trasporto dell’energia ed Efficienza Energica per lo Sviluppo Sostenibile.

Link: http://www.ierek.com/events/alternative-renewable-energy-quest/ 

 

● Premio Europeo per la Gestione della Terra e del Suolo 2016/2017 – Scadenza annuale per la presentazione delle candidature: 31 Dicembre 2016

Questa iniziativa è stata lanciata nel 2008 dall’Organizzazione Europea dei Proprietari Terrieri (ELO) sotto gli auspici della Commissione Europea (DG Ambiente) ed in associazione con l’Università di Risorse Naturali e Scienze della Vita di Vienna (BOKU), Syngenta International AG e il Centro per il Suolo e le Scienze Ambientali dell’Università di Lubiana. Ha scadenza annuale il 31 di dicembre.

Il premio è rivolto a progetti per l’utilizzo della terra e il trattamento del suolo che mitighino le minacce per il suolo stesso, ad esempio l’erosione, la riduzione del contenuto organico, la contaminazione del terreno, la compattazione, la riduzione della biodiversità, la salinizzazione, la siccità, le alluvioni e gli smottamenti. Il premio vuole mettere in risalto i risultati raggiunti, incoraggiando l’adozione di nuovi concetti per la protezione e la gestione concreta della terra e del suolo.

Possono presentare progetti soggetti (anche in forma singola), in collaborazione con università, centri di ricerca e società private. Il vincitore verrà premiato con 5.000 euro, insieme ad un diploma di riconoscimento utile per la commercializzazione sul mercato europeo.

Link:  

http://www.europeanlandowners.org/awards/soil-land-award?mc_cid=d2f9dedade&mc_eid=f7294ff711